Saluto di fine anno scolastico

Con l’11 giugno 2021 si è chiuso un anno scolastico particolarmente difficile: a causa della pandemia, del variare dell’intensità dei contagi e delle disposizioni dello Stato e della Regione Puglia, i genitori si sono trovati in prima linea a dover scegliere, spesso sulla base di lacunose informazioni o sulla scia del tam tam mediatico, tra la garanzia della salute dei loro figli e il diritto, costituzionalmente definito, allo studio.
La mia mail istituzionale, infatti, è stata costantemente invasa da richieste; da richieste, spesso contraddittorie, indice del travaglio che le famiglie hanno patito.
Dirigere la scuola in queste condizioni non è stato facile, ma questo è, senz'altro, il male minore.
Il problema centrale su cui ho focalizzato l’attenzione è stata la necessità di coniugare in modo efficace due tipi di didattica, quella in presenza e quella a distanza, in contemporanea, ovvero garantire il successo formativo di tutti gli alunni attraverso due metodiche che necessitano di tempi di apprendimento e approcci diversificati; durante l’anno scolastico, in tutte le scuole, sono saltate, infatti, le riflessioni pedagogiche cui facevamo riferimento per sperimentare costantemente nuove pratiche.
Devo essere particolarmente grato a tutti i docenti del “Del Bene” di Maruggio e Torricella, senza il loro impegno, senza la loro capacità di mettersi costantemente in gioco, senza le loro riflessioni desunte da una pratica quotidiana della didattica che non aveva precedenti, nulla si sarebbe potuto fare.
Devo essere grato della loro abnegazione: come su un campo di battaglia, hanno messo in gioco la loro stessa salute senza mai lamentarsi e questo, ve lo garantisco, non è stato un atteggiamento diffuso in Italia. I docenti che potevano far valere la loro fragilità di fronte al COVID sono stati sempre presenti, mostrando serietà professionale e, soprattutto, come la centralità dell’alunno fosse per loro un dato imprescindibile.
I protocolli anti-Covid adottati dalla scuola hanno perfettamente funzionato grazie alla responsabilità di alunni e docenti: nessuna infezione si è diffusa nella scuola, le classi e gli insegnati messi in quarantena per un contagio sempre esterno agli ambienti scolastici, mai hanno registrato positività al virus.

In ogni caso noi siamo pronti per partire con l’anno scolastico 2020-2021.
Tutte le richieste da me portate all’USR – ambito territoriale della provincia di Taranto – sono state accettate
Inoltre, acquisita la disponibilità delle Amministrazioni dei due Comuni a effettuare il servizio mensa, sono stati confermati i docenti per attivare il tempo pieno. Ricordo, a questo proposito, la felicità degli alunni quando comunicai loro la riapertura del servizio dopo e malgrado le difficoltà determinate dalla pandemia.
Sono fermamente convinto della validità didattica del tempo pieno e spero che nel prossimo anno si possa procedere senza esitazioni, restituendo ai nostri ragazzi, oltre alla possibilità di sperimentare le attività laboratoriali, anche e soprattutto il piacere di stare e crescere insieme.
A settembre, se potremo usufruire della disponibilità della mensa dall’inizio dell’anno scolastico per le scuole dell’Infanzia e delle Primarie, sarà possibile espletare i progetti che abbiamo in cantiere, finalizzati alla ripartenza e alla valorizzazione del piacere dei ragazzi di stare insieme per recuperare e sperimentare le esperienze di socialità sospesa.


Auguro a tutti buone vacanze, aspettando il ritorno dei nostri alunni per una felice ripartenza.


                                                                               Il Dirigente Scolastico
                                                                                     prof. Saverio Pansini

 

Additional information